100 CAMPANILI UNA FEDE

WhatsApp Image 2024-03-28 at 19.07.07
WhatsApp Image 2024-03-28 at 19.07.08 (1)
WhatsApp Image 2024-03-28 at 19.07.08 (2)
WhatsApp Image 2024-03-28 at 19.07.08
WhatsApp Image 2024-03-28 at 19.07.09

Vale 3 punti la perla di Cangemi: è 1-0 alla Vibonese. Marra: “Il gruppo si riconosce in questa piazza”

Arriva la terza della classe allo stadio “Aci e Galatea”, la Vibonese di patron Caffo, che fino ad ora ha perso solo quattro partite, e i granata allenati da Sasà Marra si fanno trovare pronti, con un gol in acrobazia del centrocampista Cangemi che vale il bottino pieno.

Primo tempo a basso ritmo, con le due squadre ordinate e attente nel respingere le incursioni avversarie. La prima occasione della gara arriva alla metà, ed è per la squadra di Buscé: al 26’ Ciotti mette la freccia sulla fascia e serve Favetta che, a pochi passi da Zizzania, colpisce in pieno la traversa. Tre minuti più tardi, l’Acireale risponde con un tiro-cross di Mirabelli da centrocampo che costringe Del Bello alla deviazione in angolo. Dopo questa iniziativa, i granata iniziano a spingere e a rendersi pericolosi, con Cicirello in particolare. Al 36’, proprio il numero 14 rompe la linea difensiva avversaria e serve Cangemi in mezzo che, di rovesciata, trova l’eurogol di giornata e sblocca la gara dello stadio “Aci e Galatea”. Sul finale di primo tempo, un brutto intervento di Malara (ammonito poco prima) ai danni di Cicirello, costa il secondo cartellino giallo al 18 rossoblù e, soprattutto, l’uomo in meno alla Vibonese per il resto della gara.

Galvanizzato dal vantaggio e con l’uomo in più, l’Acireale approccia la ripresa in maniera decisa e aggressiva, sfiorando più volte il doppio vantaggio con Zuppel. Al 54’, il 32 granata viene servito da Cangemi da buona posizione, ma il suo tentativo finisce largo. Tre minuti più tardi, è Lucchese ad andare vicino al raddoppio acese con un tiro dalla distanza che finisce sull’esterno della rete. Stanca e con l’uomo in meno, la Vibonese resta in gara fino alla fine riuscendo anche a rendersi pericolosa: all’85’, infatti, un tiro da posizione defilata di Ciotti preoccupa i padroni di casa, ma termina a lato di poco. In pieno recupero, la squadra di Marra ha anche l’occasione del raddoppio con Palma, ma così può bastare: al termine di novanta minuti intensi, l’Acireale può festeggiare per aver aggiunto tre punti pesanti alla sua classifica.

Intervenuto in conferenza stampa al termine del match, Antonio Buscé ha parlato della gara persa dai suoi: “Oggi a fare la differenza sono stati gli episodi, il gol di Cangemi ha cambiato la gara. L’espulsione? La prima ammonizione di Malara non l’ho vista, ma la seconda sì. L’arbitro era già pronto ad espellerlo. Non voglio fare polemica contro la terna arbitrale, ma basta. Questo rovina il lavoro di tutti, sono amareggiato”. Infine, sul campionato: “Il Trapani ha una squadra superiore a tutte le altre. Noi vogliamo fare bene nella vetrina dei playoff, credo possa essere una bella occasione per tutti”.

Anche Marra è intervenuto ai microfoni dei giornalisti, e soddisfatto di quanto visto dal suo gruppo ha spiegato: “Oggi per noi è stata una grande vittoria, l’obiettivo era quello di battere una delle squadre davanti e ci siamo riusciti. Bisogna essere felici di quanto visto, ancora una volta questi ragazzi hanno dimostrato carattere e attaccamento, si riconoscono in questa piazza. Questo gruppo va ringraziato anche per il sacrificio, visto che oggi diversi di loro avevano qualche piccolo problema fisico”. Sul finale di stagione e i prossimi impegni, va un passo alla volta: “Pensiamo una gara dopo l’altra, oggi è una vittoria pesante. Ad Agrigento bisognerà cancellare quanto appena fatto e dare il massimo. È necessario tenere a mente la prestazione di Ragusa e cercare di evitare qualcosa di simile”.

Infine, anche il match winner, Alessandro Cangemi, al primo gol con la maglia dell’Acireale, si è rivolto alla stampa: “Per noi era una gara importante, credo sia stata preparata bene da Marra durante la settimana, e siamo felici. Il gol in rovesciata? Ho visto la palla di Cicirello e ho provato: fortunatamente è andata bene. Lo dedico alla mia famiglia, loro macinano chilometri per me”. Infine, i suoi propositi per il finale di stagione: “Stare bene fisicamente e portare l’Acireale ai playoff”.

 

Ufficio Stampa

SSD Città di Acireale 1946 arl

TABELLINO

ACIREALE: Zizzania, Galletta (17’ ST Milo), Lucchese (17’ ST Vaccaro), Germinio, Cicirello, Lo Coco, Sticenko,

Cangemi (31’ ST Montaperto), Mirabelli (23’ ST Russotto), Palma, Zuppel.

In panchina: Restuccia, Cottone Spinelli, Cusumano.

Allenatore: Salvatore Marra

VIBONESE: Dal Bello, Baldan, Esposito (42’ ST Mal), Favetta (1’ ST Terranova), Borgia (1’ ST Gaeta), Onraita, Malara, Castillo (1’ ST Casalongue), Staropoli (1’ ST Anzelmo), Furina, Ciotti.

In panchina: Polidori, Iuliano, Terranova, Puca, Carbone.

Allenatore: Antonio Buscè

Arbitro: Alessandro Colelli, di Ostia Lido 1 °Assist.: Alessandro Giuseppe Fantini, di Busto Arsizio Assist: Alessandro Pascoli, di Macerata

RETI: 37’ PT Cangemi (A)

Angoli: 5 (A) 1 (V)

RECUPERO: 3’ PT | 5’ ST

AMMONITI: 19’ PT Galletta (A), 28’ PT Staropoli (V), 44’ PT Malara (V), 45’ PT Ramondino (V), 19’ ST

D’Alessandris (A), 32’ ST Milo (A), 49’ ST Zuppel (A) ESPULSI: 45’ PT Malara (V) per doppia ammonizione

SPETTATORI: 600 CA

Antonio Spinella